twitterlinkedinmail

Paper Abstract

Perchè la gente crede nelle Fake News e come aiutarla a smettere

Keywords: Fake News, Social Media

Per saperne di più

Scarica il Paper

Scarica il Paper
Scarica il Paper

Sottoscrivi la Newsletter per accedere
in anteprima ai contenuti:


Fake News, Perchè la gente ci crede

Una delle leve più potenti per la diffusione delle Fake News consiste nello sfruttare il cosiddetto "Bias della Conferma" (confirmation bias), vale a dire confezionando delle notizie artefatte che maggiormente rispecchino i pregiudizi dell'audience di riferimento.

Il pubblico, di conseguenza, vedendo confermati i propri pregiudizi, contribuirà spontaneamente alla diffusione delle Fake News condividendole sui Social Media.

Alla radice della diffusione delle Fake News vi sono ragioni sostanzialmente economiche.

Sfruttando la credulità e la collaborazione (più o meno consapevole) del pubblico, è possibile diffondere in maniera virale dei contenuti che hanno un ritorno economico molto elevato in termini di pubblicità.

Produrre Fake News nell'era digitale è estremamente economico e ha un ritorno molto alto in termini di ricavi.

Ecco perchè il web è sempre più infestato da tale "inquinamento informativo".

Per saperne di più


Le Fake News non sono semplici "menzogne"

Si potrebbe pensare che lo scopo perseguito dai produttori di Fake News sia quello di mentire in maniera deliberata, allo scopo di creare danno al pubblico dibattito.

Lo scopo dei fakers è principalmente quello di guadagnarsi l'attenzione degli utenti diffondendo le false informazioni che più fanno presa sulla gente.

Nel caso delle Fake News, coloro che le creano e le diffondono non sono in realtà interessati a controvertire la verità dei fatti.

Per costoro, la verità dei fatti è semplicemente ininfluente, l'unica cosa che conta per loro è guadagnare consenso e alimentare attenzione attorno alla propria persona.

Non è un caso che la diffusione delle Fake News vada assumendo un ruolo sempre più centrale proprio nelle competizioni elettorali.

Per saperne di più


Fake News, Quali rischi per la democrazia?

Prescindendo completamente dalle realtà dei fatti, le Fake News costituiscono un'insidia rilevante per il dibattito pubblico e la formazione di opinioni, elementi entrambi di centrale importanza per la salute democratica.

Lo scopo delle Fake News è quello di acquisire consenso, facendo leva sugli istinti primari degli esseri umani: il primo tra tutti è la paura.

In tutta questa lotta per il consenso, ben poco spazio viene riservato alla verifica delle "evidenze" contrarie.

Nel caos di ambiguità che si viene a creare, nessuno crede più a nulla e nessuno, e questo clima di diffuso sospetto avvelena inevitabilmente il dibattito pubblico, impedendo la possibilità da parte dei cittadini-elettori di formarsi una propria opinione in maniera serena.

Non solo Fake News, ma anche Social Media e Big Data

Per non parlare degli effetti nefasti legati alla manipolazione dell'opinione pubblica tramite i Social Media, sfruttando le tecniche di Big Data Analytics utilizzate per diffondere le Fake News in maniera "chirurgica" a specifici gruppi di utenti, in base ai loro profili personali, come il recente caso "Cambridge Analytica" sta a dimostrare.

Come contrastare la diffusione delle Fake News, impedendo la manipolazione degli elettori?

Per saperne di più


Perchè diffondere Fake News è più facile che smascherarle

Le Fake News, in quanto originate e diffuse in un ambiente complesso e iper-connesso come il Web, mostrano caratteristiche di resilienza tutte proprie, che le rendono diverse dalle tradizionali menzogne o leggende metropolitane.

Una volta "viralizzati" in Rete, i contenuti digitali continuano infatti a diffondersi a prescindere dalla loro "verità intrinseca".

In base al principio noto come Asimmetria di Brandolini, l'impegno necessario a ripulire la rete dai contenuti fake è di un ordine di grandezza superiore rispetto all'impegno profuso nell'attribuire un semplice "like" o nella ricondivisione in Rete dei contenuti.

Visto che una parte consistente dei contenuti fake viene quotidianamente diffusa in Rete tramite i Social Networks, è lecito chedersi se tali piattaforme non giochino un ruolo peculiare in tale fenomeno.

Smascherare le Bufale - Fake News Debunking How-to

Dopo aver analizzato le caratterisitiche delle Fake News e dei media digitali che ne facilitano la diffusione, insieme agli aspetti psicologici che contribuiscono alla condivisione in rete delle "bufale online", non ci resta che approfondire come contrastare efficacemente la diffusione delle Fake News.

Pensiero Critico, lo strumento indispensabile contro le Fake News

Lo strumento principale per contrastare le Fake News è senza dubbio il pensiero critico, vale a dire quell'insieme di tecniche che permettono di valutare la verosimiglianza di una affermazione o di una notizia, sulla base della analisi critica condotta non solo sulle informazioni, ma anche e soprattutto sui ragionamenti e sulle argomentazioni logiche che ne stanno alla base, e che contribuiscono o meno a fondare la loro attendibilità (a prescindere dal loro apparente potere di persuasione).

Il pensiero critico inoltre ci fornisce gli strumenti logici per smascherare gli errori logici (le fallacie logiche) che vengono comunemente utilizzati per indurre il pubblico a credere nelle Fake News.

Come smascherare efficacemente le Fake News senza rischiare di amplificarne la diffusione?

Per saperne di più


Orror Vacui: colmare il vuoto esplicativo con una spiegazione alternativa

Uno degli aspetti peculiari della mente umana è che essa non accetta "vuoti" informativi.

Se per anni la mente è stata abituata a ricostruire e spiegare gli eventi utilizzando determinate "teorie", difficilmente sarà disposta a farne a meno, anche di fronte all'evidenza contraria;

Le "teorie" utilizzate per spiegare determinati eventi, anche se fallaci, resisteranno ad ogni tentativo di smentita

Questo è tanto più vero se il soggetto ha "investito" in tali teorie esplicative molte energie psichiche (anche e soprattutto emozionali) nel corso del tempo.

Come persuadere chi crede nelle Fake News colmando efficacemente i vuoti cognitivi con spiegazioni alternative?

Per saperne di più


Contenuti Audio

Accedi ai Contenuti Riservati
Accedi ai Contenuti Riservati

Sottoscrivi la Newsletter per accedere
in anteprima ai contenuti: